Dove mangiare piatti tipici lombardi: Il Ristorante deve il suo nome ad una vecchia osteria che, già nell '800 funzionava come stazione di posta con alloggi per i viandanti e stalla per i cavalli. Conclusa l'epoca delle carrozze, l'osteria si è trasformata in trattoria rustica e gli alloggi e la stalla sono diventate eleganti salette.

Nel 1997 un'ulteriore ristrutturazione ha reso il ristorante più accogliente, pur mantenendo, anzi evidenziando le caratteristiche dell'antica locanda, con travi a vista, volte, caminetti e vecchie madie. Da tre generazioni la famiglia Bianchi prepara i migliori manicaretti per i viandanti e gli ospiti più affezionati.

E' mamma Caterina, a portare avanti la tradizione di famiglia, continuando a regalare emozioni ai buongustai con i suoi "piatti di una volta". Beppe e Menotti, custodiscono insieme alla madre i segreti delle ricette di famiglia, portando avanti l'arte della buona cucina con la stessa dedizione e unendo con sapiente armonia "piatti di una volta" e modernità, insieme alla rara virtù del saper ospitare.

Dove mangiare piatti tipici lombardi

Ovunque affiorano i segni della locanda che era in origine, le travi a vista, le vecchie madie, l’abbeveratoio all’ingresso e mi sembra quasi di sentire arrivare una carrozza, mentre nelle sale vedo ospiti innamorati di questa raffinata atmosfera e della buona cucina.

Già, la buona cucina, da tre generazioni la famiglia Bianchi prepara i migliori manicaretti per i viandanti e gli ospiti più affezionati. Ora è mamma Caterina che mantiene viva la tradizione e regala emozioni ai buongustai con i suoi “piatti di una volta”, mentre i figli hanno ereditato dal papà Elio la stessa rara virtù del saper ospitare.

TORNA SU